Il cammello

Son venuto a Gerusalemme

leMMe leMMe, ma ho visto

che l’asino aveva sopra

il mio uomo

indifeso.

Un po’ mi sentivo offeso,

avevo l’acqua, un sedile,

una sicurezza

incredibile.

Però ero un animale strano

chi mi curava era mussulmano

mentre tu eri pasciuto da un

cristiano.

Sentivo le grida, vedevo palme

le persone gridavano ma erano

calme.

L’asino sorrideva , aveva vinto lui

noto testardo , a me nessun

riguardo.

Son cammello è terra mia

caro Gesù al ritorno sali

con me, sarà tutta

un’altra via.

Photo by Francesco Ungaro on Pexels.com

L’ultima ora

La scuola è finita

come un pezzo di vita

l’allegria è contagiosa

e nessuno più ricorda

una lezione noiosa.

La mente sogna le mete:

l’Oriente, l’Occidente

purché ci sia tanta gente.

I professori ora devono scrivere

con tanti ghirigori

le delusioni, gli onori,

in un misto disapori.

Si ricorda un saluto

un sorriso ricercato

o vanamente sperato,

ma improvviso nella via

percepisco una voce di un allievo

che una volta conoscevo.

Mi saluta dicendo:

“Quello che mi ha insegnato

è tutto vero!”

Sorrido, l’avvenire è meno nero.

Questo è il mio saluto alla scuola. L’ho consegnato alle 2 classi e a 2 prof che hanno apprezzato, ovviamente nel reale è tutto più ovattato e devi essere uno scrittore per essere molto apprezzato.

Photo by Pixabay on Pexels.com

La danzatrice

Si alza , fa un salto

rimbalza;

il ritmo incalza

anche io seduto

nella stanza

sento un sussulto

nella panza.

Il mio sogno

non è arroganza

ma desiderio,

anche se privo di sostanza.

Vedo un vestito di organza,

respiro profumo e la sua fragranza,

mi accompagna lei

con il suo passo di danza.

I miei sensi

mi inducono una

materiale devianza;

è la mancanza di un amore

e della sua infinita

lontananza.

Photo by Pixabay on Pexels.com

L’ultima ironia

Non sono né un poeta né tantomeno uno scrittore mi piace l’ironia sempre con gusto (a volte magari non ci si riesce) ma con la guerra che ogni giorno mi fa pensare che peggiori che vuole un vinto non me la sento di evadere.

Necessita un aiuto e ognuno sceglierà il suo modo di chiederlo e di lavorare per facilitarlo.

Quindi oggi spero di far sorridere e poi al primo segnale di pace vera, l’allegria riprenderà e sarà vera!

“Ho saputo che i 5 stelle stanno preparando una confezione-regalo da donare al popolo ucraino di armi da difesa che lo stesso Conte ha indicato dopo aver letto vari libri di avventure (Il Corsaro nero, l’isola misteriosa, Robinson Crusoe).

La confezione contiene:

un set di cerbottane con rotolo di carta per fare il proiettile. Verranno donati anche dei modelli “Super” che emetteranno una voce quando il cappuccetto partirà e dirà: figlio di cerbottana”

Delle pistole ad acqua frizzante che se bevute emetteranno dei gas, gratuiti senza dover donare rubli.

Alcune fionde con sassi di Matera perchè il ministro Franceschini ritiene che il post guerra deve incrementare il Made in Italy

Dei Mitra che lanceranno palline di plastica riciclata che se ben mirate potranno penetrare negli oblò dei carri armati. La sorpresa sarà che dentro ci sono i famosi baci “perugina” che avranno delle scritte amorose. Una frangia di ex 5 stelle avrebbe chiesto che al posto delle frasi ci fossero immagini erotiche quale strategia di indebolimento del nemico. Ma Conte tiene a non creare divisioni con l’elettorato moderato.

Bene questa è la mia , per ora, ultima mia missione, speriamo che molte nazioni vi aderiranno, questa è una bella battuta!

Distrazione

Steso sul selciato

Il soldato dimenticato

Inganno di una foto o sangue

inutilmente versato.

Una croce sulla strada confonde l’automobilista che cerca un abitato.

Immagini quotidiane che come goccia sulla pietra corrodono le menti insane

La televisione canterà in Eurovisione e io seduto dimenticherò la preoccupazione.

L’uomo ama la finzione.

Photo by Antony Trivet on Pexels.com

Tentazioni

Continuo sul ragionamento delle parole che si dicono in chiesa perchè ritengo fondamentale capire quale identità vorremmo avere con il tempo della guerra. Probabilmente la Pandemia ha provocato qualche cambiamento: ci laviamo le mani più spesso (a me è venuta la disidrosi per aver forse abusato dei prodotti di igiene, obbligatori peraltro a scuola), la mascherina sta diventando sopportabile nei mesi non caldi e siamo passati alla più impegnativa e costosa FP2, ma il pensiero della guerra e l’inizio dell’arrivo del popolo ucraino da noi ci dà più di un pensiero. Poi il risparmio di gas creerà divisione sicuramente. Quindi ho constato , seppur quasi nessuno mi ha aiutato nel capire se la parola “pregare” induca un rapporto amoroso, che nel Vangelo di Matteo al capitolo 8 , Gesù ci incita a pregare. Certo mi sembrava logico ed umano che Lui pregasse il Padre nell’ora più tragica per far si che avvenisse ciò che era scritto, ma essendo anche uomo, la crocifissione non era un bel futuro!

Poi però sempre con Matteo mi sono visto il testo del Padre Nostro che tutti, anche gli atei conoscono. Mi è capitato di analizzarlo più volte e pure esprimere la mia perplessità a qualche sacerdote sul passo….”non mi indurre in tentazione..” Ma come Dio mi induce in tentazione? Ma non era il Demonio? Eppure anche nel Vangelo è scritto così, seppur è traduzione greca. Ma dopo 1950 anni circa, il Vaticano lo cambia in un più comprensibile “…non abbandonarci alle tentazioni..” che è logico, giusto, ma non è il Vangelo.

Qual è la mia domanda? Ma allora si può cambiare il testo del Vangelo? penso che direte ma lascia perdere, è sabato, dobbiamo fare la spesa, può darsi che la Ferrari, oppure l’Ucraina da una bella risposta a questi dementi. .eppure se non è il nostro Papa a guidarci per vincere la guerra chi potrà farlo? Quindi certi dubbi mi frenano!

Photo by KALZud83dudcf8ud83cuddfaud83cuddec on Pexels.com

Configurazioni

La tua fronte è la traversata assolata

del deserto d’Arabia,

le tue ciglia arbusti misti dei paesi scintoisti,

il tuo naso mi fa pensare al Caucaso,

la tua bocca è desiderio che scocca,

il tuo collo sostiene il mio tracollo,

il tuo seno sarà il mio veleno,

mentre il tuo ventre attraversa, palpita, odora, si apre:

sostiene l’amore terreno.

Photo by u6e49u53cc u9648 on Pexels.com
SENTIERI CAMUNI

Escursioni in Valle Camonica

Rebus Sic Stantibus

Timeo Danaos et dona ferentes

amareilmare

la musica del mare: onda dopo onda, nota dopo nota. Un adagio e poi, con impeto, esplode la passione.

Fantastici Stonati

Ci vuole molta fantasia per essere all'altezza della realtà

Oh my bridge

"Il bridge è come il sesso: se non hai un buon partner, meglio che tu abbia una buona mano."

MyPersonalBlog

Un sito dove io possa esprimere le mie opinioni e i miei pensieri

blog viaungarettidue

18-3-2022 ( testi e fotografie dell'autore)

Federico Cinti

Momenti di poesia

Pensieri Parole e Poesie

Sono una donna libera. Nel mio blog farete un viaggio lungo e profondo nei pensieri della mente del cuore e dell anima.

Mădălina lu' Cafanu

stay calm within the chaos

CHIARA GALLIANO

Visual Artist

Il Mondo di Dora Millaci

Sono le parole semplici quelle che giungono al cuore e donano emozioni

Squadernauti

scritture, letture, oltraggi

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: